Follow by Email

domenica 8 luglio 2012

Punto a favore di M. Biglino


CITAZIONE
Biglino: “Merahhèfet” (Genesi 1:2) significa “aleggiava, planava”.

Risposta:

'In realtà “merahhèfet” (intensivo con significato causativo) indica la produzione di forti vibrazioni o onde ad altissima frequenza. Che infatti sono all’origine della succesiva immediata produzione della luce. Tutto infatti era “senza forma e invisibile” (v.2) quindi si trattava di energia e per mezzo della luce l’energia diventa massa. Come Einstein confermerà in tempi recenti'

Il Prof. Valla dovrebbe essere più prudente nelle sue, seppur poetiche esegesi, infatti merachèfet

מְרַחֶפֶת

deriva dalle radicali resh het fe

מ ח ף 
che unite al prefisso mem con shewà

מְ  
dall' infinito lerachef

לְרַחֵף  
formano un participio il cui significato è librantesi, aleggiante; lo si desume anche da Deuteronomio 32, 11 dove viene usato lo stesso verbo in yerachef

www.mechon-mamre.org/f/ft/ft0532.htm

יְרַחֵף

כְּנֶשֶׁר יָעִיר קִנּוֹ, עַל-גּוֹזָלָיו יְרַחֵף; {ס} יִפְרֹשׂ כְּנָפָיו יִקָּחֵהוּ, יִשָּׂאֵהוּ עַל-אֶבְרָתוֹ

'l' aquila che sorvola il nido': non credo che ci possano essere in gioco onde ad altissima frequenza a meno che Hashem non volesse 'cuocere le uova'. Per cui la traduzione di Biglino è sicuramente più corretta fermo restando che poi c' è la questione PARDES

www.cabala.org/articoli/pardes.htm

http://forumbiblico.forumfree.it/?t=41853416

Per cui l' ipotesi del Prof Valla non è da scartare ma di sicuro il Prof. Valla non può parlare
atteggiandosi a Rav Rashì.
Un punto a favore di Mauro Biglino.

Nessun commento:

Posta un commento